Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
Data : 1 Gennaio 2017
2
Data : 2 Gennaio 2017
3
Data : 3 Gennaio 2017
4
Data : 4 Gennaio 2017
5
Data : 5 Gennaio 2017
6
Data : 6 Gennaio 2017
7
Data : 7 Gennaio 2017
8
Data : 8 Gennaio 2017
10
Data : 10 Gennaio 2017
21
Data : 21 Gennaio 2017
25
Data : 25 Gennaio 2017
27
Data : 27 Gennaio 2017
28
Data : 28 Gennaio 2017
29
Data : 29 Gennaio 2017
30
Data : 30 Gennaio 2017
31
Data : 31 Gennaio 2017

Mario Parri scultore e altri personaggi dell’antifascismo e della Resistenza nel pistoiese

Categoria
Incontri con l’autore
Data
2017-09-28 17:00
Luogo
Biblioteca San Giorgio
Telefono
0573/371600
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Presentazione del libro Mario Parri scultore e altri personaggi dell’antifascismo e della Resistenza nel pistoiese, di Sirio Balleri. Pistoia, 2017

Intervengono Renzo Balleri, Emanuele Barletti, Roberto Barontini e Renzo Innocenti
Saluti di Piero Lunardi, Sindaco di Serravalle Pistoiese, e Alessandro Tomasi, Sindaco di Pistoia
Sarà presente l'autore

Il volume narra la storia di una famiglia, i Parri, a partire da quando, nell'Ottocento, l'impresario edile Ulisse fece costruire una bellissima villa in località Poggio Caro, a Serravalle Pistoiese, fino alla prima metà del Novecento quando il nipote, lo scultore Mario Parri, ne fece un riparo per gli antifascisti. L'autore, che da bambino frequentò Villa Parri, delinea un ritratto dell'artista attingendo ai ricordi dell'infanzia, rievocando allo stesso tempo anche le figure di altri antifascisti conosciuti in quell'ambiente. Sullo sfondo di fatti e personaggi la rievocazione della vita contadina dell'epoca, con i suoi rituali, le usanze, il susseguirsi delle stagioni e dei lavori nei campi.

Sirio Balleri è nato a Serravalle Pistoiese, in una famiglia contadina, nel settembre del 1929. Ha cominciato a scrivere all’età di ottanta anni, quando ha composto il suo primo libro, Una vita nella storia, pubblicato nel 2009. Nel 2013 è uscita la sua seconda opera, Ricordando le nostre radici… la nostra storia, nel 2015 ha pubblicato un terzo volume dal titolo Storie vissute. Si tratta, in tutti i casi, di libri di memorie, in cui l’autore prende spunto dalle vicende della sua esistenza per ripercorrere la storia del Novecento. Veniamo così a sapere, dai suoi libri, della sua passione artistica (ha conseguito il diploma in clarinetto e ha suonato nella Banda Borgognoni) e di quella politica (è stato sempre un comunista convinto e appassionato, anche se non sempre ha condiviso le scelte e le posizioni del suo partito). Veniamo a sapere che dopo aver conseguito il diploma di quinta elementare è stato contadino, per diventare poi manovale, carpentiere, e infine disegnatore tecnico. Ma leggendo le sue pagine veniamo in contatto, soprattutto, con la storia del secolo scorso, in un racconto che assume volutamente il punto di vista del popolo per narrarne la difficoltà della vita quotidiana, la tragicità del periodo del fascismo e della guerra, ma anche l’impegno per la rinascita del paese. E veniamo in contatto con usi, tradizioni, modi di fare, mestieri, personaggi, piccoli fatti quotidiani che rischiano di scomparire con la scomparsa di chi li ha conosciuti o vissuti, se non vengono fissati sulla carta. Caratteristica delle opere di Balleri è quella di fare del recupero della memoria, dei ricordi, del tempo lontano, quasi una missione. Secondo l’autore infatti è importante conservare la memoria del passato e tramandarla alle nuove generazioni, in modo che queste non dimentichino ciò che è stato e dal passato possano trarre insegnamento.

 
 

Altre date

  • 2017-09-28 17:00