Pistoia festeggerà la fine dell’anno da Capitale Italiana della Cultura 2017 dopo un anno intenso e ricco di eventi che hanno portato la città al centro dell'attenzione nazionale e internazionale.

Per salutare il 2017 e aspettare l'arrivo del nuovo anno, il Comune ha deciso di valorizzare giovani e talentuosi musicisti pistoiesi che chiuderanno con le  loro esecuzioni l’anno di Pistoia da Capitale Italiana della Cultura 2017.

La sera di San Silvestro, in attesa della festa in piazza del Duomo, a partire dalle 21 saranno proposti diversi momenti musicali.

Alle 21 nella Sala Maggiore del Palazzo Comunale si terrà il concerto dell’Ensemble Armonie in Villa.

Alle 22.15 il museo Marino Marini proporrà lo spettacolo “Opera in salotto: racconti e dissertazioni sulle opere di repertorio”, a cura dell’Accademia flautistica di Genova.

A partire dalle 22 inizierà la festa in piazza del Duomo presentata da Simone Gai e Diletta Berti. Sul palco si alterneranno Le ragazze di Piazza & Sem, Blues e Jetta con Michele Beneforti , Skiffles e 80 Voglia.

Alle 24 il sindaco Alessandro Tomasi rivolgerà un saluto e un augurio per il 2018 a tutta la cittadinanza con un brindisi offerto da Conad. La piazza continuerà a animarsi e a proporre musica anche dopo il brindisi di mezzanotte con jam session.

Il primo gennaio 2018 alle 16.30 nella Sala Maggiore del Palazzo Comunale si terrà il concerto di Capodanno “Baroque and Blue Jazz Quartet” con Elena Lala, flauto e voce; Daniele Biagini, pianoforte; Alessandro Antonini, contrabbasso e Gabriele Gai, batteria.

Venerdì 1 dicembre il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha visitato Pistoia, Capitale Italiana della Cultura per il 2017, partecipando ad un incontro  nella Sala Maggiore del Palazzo Comunale. Nel corso della cerimonia sono intervenuti il sindaco di Pistoia Alessandro Tomasi, il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e il Ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini. Al termine il Presidente della Repubblica e il sindaco di Pistoia si sono recati sotto le Logge del Palazzo Comunale per l’accensione dell’albero di Natale in piazza Duomo alla presenza di numerosi bambini delle scuole pistoiesi.

 

A seguire, il capo della Stato ha visitato, in forma privata, il Museo dello Spedale del Ceppo in piazza Giovanni XXIII e la Chiesa di San Leone, in cui è esposta la Visitazione di Luca della Robbia.

Guarda il video dell'incontro con il Presidente della Repubblica in Sala Maggiore sui nostri profili Facebook:

https://www.facebook.com/comunepistoia/

https://www.facebook.com/pistoia17/

 

E' un “verde Natale” quello realizzato dall’amministrazione comunale insieme al Centro Commerciale Naturale Pistoia, Associazione Vivaisti italiani, Commercio Pistoia e Centro Commerciale Naturale viale Adua, grazie al contributo della Fondazione Caript e Conad del Tirreno.

Il periodo natalizio, che prenderà il via ufficialmente il primo dicembre con l’accensione dell’albero di Natale in piazza Duomo in concomitanza alla visita del  Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nella Capitale italiana della Cultura, quest’anno vede uniti commercianti e vivaisti per un unico grande progetto – Natale in città -  che comprende arredamenti a verde, luminarie, eventi e installazioni artistiche nel centro storico pistoiese e non solo.

«Il nostro ringraziamento – dichiara il sindaco Alessandro Tomasi – va alle realtà del territorio che si sono impegnate insieme all’amministrazione per offrire un Natale ricco di eventi e di allestimenti suggestivi. Abbiamo cercato di realizzare dei festeggiamenti a misura di bambino e di famiglia, perché è partendo dalla semplicità e dall’attenzione verso i cittadini di domani che si realizzano le cose più grandi"                                                                    

«Il mio invito per le feste in arrivo – prosegue il sindaco - è di vivere quanto il territorio ha da offrire, a cominciare dalla nostra bellissima montagna, e di privilegiare per gli acquisti i negozi della nostra città».

«Natale in città – spiega l’assessore alle attività produttive Gianna Risaliti –  ha riunito più anime all’interno di un unico grande progetto. Abbiamo lavorato insieme con i diversi soggetti, promotori del programma natalizio, per ottenere questo risultato. Per la prima volta Pistoia vede riunite molteplici realtà nella condivisione di un medesimo obiettivo».

Il verde nelle piazze. Il verde farà il suo ingresso in piazza Duomo, piazza Giovanni XXIII, piazza Gavinana, via Carratica, piazza Leonardo Da Vinci, viale Fedi e Corso Gramsci. Con il progetto elaborato dallo studio “B Scape Architettura del paesaggio” è stato ricreato un percorso botanico con piante di diverse tipologie e dimensioni, donate dai vivaisti del territorio, che saranno posizionate nel cuore della città e nelle vie limitrofe in una maniera inedita, studiata nei minimi dettagli. Le piante, adornate con installazioni luminose, non saranno più un semplice decoro, ma diventeranno protagoniste della città nel periodo natalizio. Il verde sarà il motivo conduttore del Natale pistoiese. Immancabile, naturalmente, l’albero di Natale in piazza Duomo, donato dall’Associazione vivaisti italiani, che quest’anno sarà adornato con addobbi bianchi e rossi, i colori di Pistoia, oltre che con le luci di Natale. L’accensione è prevista alle 17 di venerdì primo dicembre in concomitanza alla visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Pistoia. Il coro dei “Grilli Canterini” accompagnerà l’evento.

Le luminarie. Per la conclusione dell’anno di Pistoia Capitale italiana della Cultura, l’amministrazione comunale e i promotori di “Natale in città” hanno voluto dar vita ad un progetto di illuminazione e addobbi natalizi unitario sul territorio, sia in centro che sul viale Adua, fino alla zona di Capostrada. In continuità con la tipologia di luci che saranno utilizzate per illuminare le piante, il progetto prevede l’installazione di luminarie natalizie in quattro zone: nel centro storico, in viale Adua, in Porta al Borgo/via Dalmazia, e nell’area di ingresso alla città di via Carratica.

L’animazione, il trenino e gli oltre 200 eventi tra mostre, concerti e iniziative in città. Artisti di strada con spettacoli itineranti per grandi e piccini, street band e cori gospel scandiranno i giorni di festa in città fino a Natale. L’8 dicembre trampolieri, giocolieri e trucca-bimbi saranno presenti in centro per dare il via all’animazione a misura di bambino curata da Vegastar che quest’anno, grazie alle associazioni di categoria, affianca il programma di eventi dell’amministrazione comunale. Il calendario “Pistoia è Natale”, realizzato dal Comune, prevede 130 iniziative di vario tipo, dagli appuntamenti culturali all’intrattenimento, 128 eventi in biblioteca, 14 mostre, 13 appuntamenti sul territorio e 20 iniziative teatrali. Dal primo dicembre al 7 gennaio ci sarà inoltre un trenino che percorrerà tutti i giorni le vie del centro con partenza dalla “stazione” di piazza San Francesco. Sempre nell’ambito delle attrazioni in città, il Comune negli scorsi giorni ha aperto un avviso pubblico – ancora in corso - per assegnare uno spazio in piazza San Francesco destinato all’allestimento di una pista di pattinaggio sul ghiaccio nel periodo natalizio.

Installazioni artistiche. In quattro aree cittadine – atrio del tribunale, piazza San Bartolomeo, piazza Duomo e Largo San Filippo – saranno collocate cinque opere dell’artista internazionale Giuliano Tomaino, che esporrà le sue creazioni in alcuni dei luoghi più suggestivi della città per l’intero periodo natalizio. Pistoia, nel suo anno da Capitale italiana della Cultura, si trasforma ancora una volta in un museo a cielo aperto.

Festa di fine anno in piazza Duomo. Per i festeggiamenti del 31 dicembre in piazza Duomo, l’amministrazione ha scelto di offrire il palco ai giovani musicisti della città, chiamati ad esibirsi sul palcoscenico per concludere l’anno di Pistoia Capitale della Cultura. Finalmente la città offre uno spazio ai giovani talenti pistoiesi, in una delle serate di festa più importanti. Se Pistoia infatti è riuscita ad essere all’altezza del titolo di cui è stata insignita, è grazie alle tante realtà di valore – dalle aziende alle associazioni di volontariato – che ogni giorno danno il loro contributo alla vita cittadina con idee e progetti, mosse dalla passione e da un legame profondo con la città. La serata del 31 dicembre, che condurrà i pistoiesi e i turisti nel nuovo anno, vuole essere un segnale di apertura verso la cittadinanza. «E’ solo partendo dalla valorizzazione delle tante ricchezze presenti sul territorio, che potremo alzare lo sguardo verso un orizzonte che va ben oltre questo anno da Capitale» dichiara il sindaco Alessandro Tomasi. Sul palco di piazza Duomo, a partire dalle 22, saliranno i gruppi pistoiesi: Ragazze di Piazza, Blues e Jetta + Michele Beneforti, Skiffles e 80Voglia. La serata sarà presentata da Simone Gai e Diletta Berti. Per garantire una maggiore offerta, il 31 dicembre, alle 21, in Sala Maggiore ci sarà il concerto dell’Ensamble Armonie in Villa e dell’Accademia flautistica di Genova. Al Museo Marino Marini infine, alle 22, è previsto lo spettacolo Opera in salotto: racconti e dissertazioni sulle opere di repertorio. 

Scarica il libretto con tutti gli eventi

 

 

Venerdì 3 e sabato 4 ottobre torna, per la sua quattordicesima edizione, Il Forum del libro – Passaparola che quest’anno si propone di riflettere sul tema “Bibliodiversità in biblioteca, in libreria e a scuola”.

Un sistema culturale vitale è quello che offre una ricca varietà di proposte editoriali, evitando l’omologazione di gusti e contenuti. L’edizione 2017 di Passaparola intende interrogarsi sul ruolo che ogni protagonista del sistema librario ha nel promuovere e difendere la bibliodiversità: scrittori ed editori nell’investire in prodotti originali e innovativi; amministrazioni, biblioteche e scuole nel dare spazio ed educare alla varietà; infine, lettori e cittadini nell’esercitare la propria libertà di lettura.

In calendario venerdì 3 novembre i tre seminari/laboratori: “Bibliodiversità in biblioteca. Proporre letture diverse per libri diversi”; “Bibliodiversità in libreria. Nuove forme di alleanza tra librai ed editori” e “Bibliodiversità a scuola. Dal libro di testo alla biblioteca diffusa”.

Sabato 4 novembre in mattinata spazio al ricordo del maestro più famoso della storia televisiva italiana Alberto Manzi e al dialogo tra lo scrittore Giuseppe Montesano e il critico letterario Goffredo Fofi, in occasione dell’ultimo libro di Montesano Come diventare vivi. Vademecum per lettori selvaggi (Bompiani 2017).

A partire da sabato pomeriggio e per tutta la domenica il testimone di questa maratona del libro passa a L’anno che verrà, festival letterario in cui saranno presentati al pubblico le ultime novità editoriali e i libri che leggeremo nel 2018.

Chi ama i libri potrà incontrare chi del libro ha fatto la propria professione: scrittori ed editori che numerosi prenderanno parte all’evento. Tra gli autori che parteciperanno al festival anche il vincitore del Premio Campiello 2015 Marco Balzano. Gli editori presenti: Adelphi, Bompiani/Giunti, Einaudi, E/O, Feltrinelli, Laterza, Liberaria, L'Orma, Marcos y Marcos, Minimum Fax, Mondadori, NNE, Racconti, 66thand2nd, Sur, Voland.

Tra gli appuntamenti segnaliamo la serata di sabato 4 novembre, realizzata in collaborazione con l’Ambasciata degli U.S.A. a Roma, durante la quale i due scrittori americani Tom Drury e Benjamin Markovits presenteranno in anteprima nazionale i loro nuovi romanzi, in uscita per NNE e 66thand2nd.

Domenica 5 novembre, alle 12,in programma uno Speed date letterario in cui ciascuno potrà ricevere consigli di lettura su misura direttamente dagli editori.

Nel corso della giornata 23 aspiranti autori, individuati nelle scorse settimane per mezzo di una selezione pubblica, potranno proporre i propri manoscritti durante incontri individuali con editori ed agenti letterari.

Da ricordare infine, venerdì 3 novembre dalle 19,30 in poi, la Festa degli alleati della biblioteca San Giorgio.

Tutte le informazioni e il programma sono disponibili al sito web www.sangiorgio.comune.pistoia.it

Sabato 28 ottobre, alle ore 17, presso il Museo Civico di Pistoia, è stata inaugurata la mostra Attorno all’opera: la Presentazione di Gesù al Tempio di Anton Domenico Gabbiani, curata da Riccardo Spinelli e promossa e realizzata dal Comune di Pistoia/Museo Civico. La rassegna rappresenta una delle esposizioni più importanti dell’anno programmate dai musei comunali pistoiesi ed una delle più interessanti nel cartellone degli eventi ideati per Pistoia Capitale Italiana della Cultura 2017. Sarà aperta al pubblico fino al 7 gennaio 2018.


Facendo perno sulla pala di Anton Domenico Gabbiani oggi al Museo Civico, proveniente dalla chiesa benedettina di Santa Maria degli Angeli di Sala, commissionata all’artista nel 1709 ma consegnata solo nell’agosto del 1719, la mostra dà conto dell’importante ‘innesto’ della cultura tardo-barocca fiorentina e romana a Pistoia, rappresentato dalla chiesa dell’antico monastero benedettino. L’edificio costituisce ancora oggi uno dei più interessanti esempi di interno settecentesco organicamente concepito, decorato fra il 1709 e il 1719 con affreschi, stucchi, sculture, dipinti dei più insigni artefici fiorentini, raccomandati per questa impresa dal Gran Principe Ferdinando de’ Medici.

Pistoia, Museo Civico, Palazzo Comunale, piazza Duomo 1

29 ottobre 2017 – 7 gennaio 2018

dal lunedì al giovedì ore 10-14

dal venerdì alla domenica e festivi ore 10-18

Natale e Capodanno ore 16-19

www.mostragabbianipistoia.it

 

IL MUSEO E LA CITTÀ
Con la mostra particolare attenzione è riservata all’esperienza educativa e formativa, con opportunità di visita e occasioni di approfondimento sulle arti figurative a Pistoia
nel Settecento.


Il curatore racconta la mostra
sabato 11 novembre, ore 17.00
Riccardo Spinelli

La Presentazione di Gesù al Tempio di Anton Domenico Gabbiani del Museo Civico di Pistoia e le altre pale d’altare della chiesa di Santa Maria degli Angeli di Sala
conferenza al Museo Civico
La conferenza si svolge nel Salone dell’Ottocento del Museo Civico in Palazzo Comunale, piazza Duomo 1. La partecipazione è gratuita e non occorre prenotazione. L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti.


Visite guidate alla mostra
a cura di Lisa Di Zanni
venerdì 17 novembre, 8 e 22 dicembre, ore 16.00

A ciascuna visita può partecipare un massimo di 25 persone. È pertanto obbligatoria laprenotazione da effettuare, entro le ore 13.00 del giovedì precedente la visita, al numero di Pistoiainforma 800 012146. La partecipazione prevede il solo costo del biglietto d’ingresso alla mostra: ridotto € 2,00. Punto di ritrovo del gruppo: biglietteria del Museo Civico, dieci minuti prima dell’inizio della visita.

Itinerari in città
a cura di Mirabilia Associazione Culturale
domenica 19 novembre, ore 10.30
visita guidata alla Chiesa di San Leone
sabato 25 novembre, ore 16.00
visita guidata al Palazzo Forteguerri
sabato 2 dicembre, ore 16.00
visita guidata alla Villa Puccini di Scornio *
sabato 9 dicembre, ore 16.00
visita guidata alla Biblioteca Fabroniana **
in collaborazione con Anna Agostini
domenica 17 dicembre, ore 10.30
visita guidata alla Chiesa dei Santi Prospero e Filippo

A ciascuna visita può partecipare un massimo di 25 persone. È pertanto obbligatoria la
prenotazione da effettuare, entro le ore 13.00 del giorno precedente la visita, al numero
di Pistoiainforma 800 012146. La partecipazione è gratuita. Punto di ritrovo del gruppo:
biglietteria del Museo Civico, dieci minuti prima dell’inizio della visita.
* Punto di ritrovo del gruppo per la visita del 2 dicembre: ingresso della Villa Puccini
(via Dalmazia 356), dieci minuti prima dell’inizio della visita.
** La visita alla Biblioteca Fabroniana non è accessibile ai disabili motori.

Per le scuole, i bambini, le famiglie
a cura di Artemisia Associazione Culturale

La mostra nel museo
Per le opportunità di visite guidate alla mostra e al
Museo Civico è necessario inviare una mail all’indirizzo
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Campus natalizio
mercoledì 3 gennaio, dalle ore 10.00 alle ore 13.00
Un appuntamento per trascorrere una mattina di vacanza in ambienti ricchi e stimolanti e per scoprire la ricchezza di suggestioni e curiosità nascoste nelle opere d’arte
Al campus può partecipare un massimo di 12 bambini, dai 5 ai 12 anni. È pertanto obbligatoria la prenotazione da effettuare, entro le ore 13.00 di martedì 2 gennaio, al numero di Pistoiainforma 800 012146. La partecipazione è gratuita. Punto di ritrovo del gruppo: biglietteria del Museo Civico, dieci minuti prima dell’inizio del campus.

Aperture straordinarie e visite guidate alla Chiesa di Santa Maria degli Angeli e all’Oratorio del Santissimo Crocifisso
tutti i sabati, dal 18 novembre al 30 dicembre
ore 10.30 e 11.30
a cura di Giulia Anabasi e di Andrea Bartolini
A ciascuna visita può partecipare un massimo di 30 persone. La partecipazione è gratuita e non occorre prenotazione. Punto di ritrovo del gruppo: ingresso della Chiesa di Santa Maria degli Angeli (corso Gramsci 149), dieci minuti prima dell’inizio della visita.
domenica 7 gennaio
ore 10.00, 11.00, 12.00, 15.00, 16.00 e 17.00
a cura del gruppo Fai Giovani Pistoia
A ciascuna visita può partecipare un massimo di 25 persone. È pertanto obbligatoria la
prenotazione da effettuare inviando una mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
Punto di ritrovo del gruppo: ingresso della Chiesa di Santa Maria degli Angeli (corso Gramsci 149), dieci minuti prima dell’inizio della visita.

 

Nei mesi conclusivi dell’anno da Capitale Italiana della Cultura, Pistoia dedica all’arte della scrittura la mostra La Città che scrive. Percorsi ed esperienze dall’età di Cino a oggi, aperta al pubblico da sabato 21 ottobre a domenica 17 dicembre, e il convegno di studi Pistoia e la lingua dell’Italia unita, martedì 14 novembre.
I due eventi saranno ospitati in una delle più antiche biblioteche d’Italia, la Forteguerriana, fondata nel 1473, che custodisce un patrimonio archivistico e librario di grande pregio tra libri, opuscoli, fondi manoscritti, documenti e cinquecentine.

La mostra, curata da Giovanni Capecchi e Giovanna Frosini, permetterà ai visitatori di ripercorrere il cammino plurisecolare della scrittura a Pistoia attraverso più di un centinaio di pezzi esposti, fra manoscritti di opere letterarie, documenti, incunaboli, libri a stampa, autografi, piccoli oggetti e materiali figurativi dalla fine del Duecento ad oggi.

Il percorso espositivo prende infatti l’avvio dal manoscritto A53, il più antico testo letterario in volgare pistoiese, risalente al 1275, che contiene il volgarizzamento dei Trattati di Albertano da Brescia, opera del notaio Soffredi del Grazia, e dai documenti giuridici e le poesie di Cino dei Sighibuldi, amico di Dante, giurista di fama europea e poeta stilnovista. I manoscritti miniati dell’umanista Sozomeno, a cui si deve il primo nucleo bibliografico della biblioteca Forteguerriana, rappresentano l’esperienza di scrittura all’aprirsi della nuova età dell’Umanesimo, così come i libri composti e copiati da Tommaso Baldinotti raccontano l’esperienza di una lunga fedeltà di scrittura; le opere di Giulio Rospigliosi (papa Clemente IX) e dell’accademico Niccolò Forteguerri ci riportano una pagina del Seicento e del Settecento.

L’Ottocento, secolo d’oro per la vita letteraria pistoiese, è rappresentato in mostra da molte testimonianze, come le illustrazioni del celebre Pinocchio, uno dei quattro libri italiani più letti al mondo, pubblicate nel primo numero del Giornale dei Bambini e nella prima edizione completa illustrata; il vocabolario del lessicografo Policarpo Petrocchi, caposaldo per gli studenti di moltissime generazioni;  alcune lettere del mecenate Niccolò Puccini, come quella che gli scrisse Giacomo Leopardi nel 1825, e i delicati disegni della nobile Louisa Grace Bartolini, il cui salotto fu frequentato anche da Giosuè Carducci. La mostra include anche documenti del Novecento e della contemporaneità, esponendo diverse tipologie di scrittura come quella del cantautore Francesco Guccini, di cui si potrà ammirare l’autografo di Auschwitz, o la lettera del giornalista Tiziano Terzani al figlio Folco. 

È un viaggio – quello proposto dalla mostra – affascinante e multiforme, che illustra il forte legame della scrittura con la città e segue il percorso delle sale della Biblioteca Forteguerriana, portando il visitatore a indugiare sugli scaffali e sui libri, alla ricerca del valore di una comune identità.

La mostra sarà documentata in un libro a cura di Giovanni Capecchi e Giovanna Frosini (Edifir, Firenze, pgg. 224, con 83 illustrazioni a colori).

Orario della mostra:

Lunedì / mercoledì / venerdì 9-13,30

Martedì / giovedì 9-13,30 / 15-17,30

Sabato / domenica / 8 dicembre: 10-13 / 15-18

Inaugurazione della mostra sabato 21 ottobre ore 17.30 – Seguirà aperitivo per tutti gli intervenuti.

Il legame tra la Capitale della Cultura 2017 e la lingua italiana sarà anche indagato nel convegno Pistoia e la lingua dell’Italia unita, martedì 14 novembre, che vedrà la partecipazione di studiosi eminenti come Claudio Marazzini, presidente dell’Accademia della Crusca.

La giornata di studi, promossa dal Comune di Pistoia, dalla Brigata del Leoncino, dalla Società Pistoiese di Storia Patria e dal Comitato Pistoiese per la promozione dei valori risorgimentali, sarà articolata in due sessioni: “Accademici, lessicografi e problemi di lingua” e “Un letterato multiforme, Policarpo Petrocchi”.

http://www.forteguerriana.comune.pistoia.it/da-sottolineare/

 

InizioIndietro123456AvantiFine